mercoledì 7 settembre 2016

Recensione: Rainy Days di Antonella Senese








Titolo: Rainy Days 
Series:  Four Days Series #1
Autore: Antonella Senese
 Editore: Self Publishing
Genere:  Contemporary Romance
Prezzo ebook (link acquisto)  : €0.99 
Prezzo Cartaceo: € 9.26










Buon Pomeriggio lettori incalliti,
sembra che anche qui l’inverno sia finalmente, le prime piogge cominciano a cader giù, e il profumo che pervade il paesaggio è dei migliori. E proprio perché siamo in tema di pioggia, oggi vi propongo la recensione del primo volume della serie “Four Days” si Antonella Senese: “Rainy Days”. Ho intrapreso la lettura di questi libri della Senese, spinta dalla curiosità suscitatami da alcuni post su Facebook che citavano alcune frasi del libro. Mai scelta fu più saggia, credetemi questo è uno dei libri che vi entra dentro, in cui vi immedesimate così tanto da provare le emozioni dei protagonisti come se fossero vostre!!

Sinossi:
Liam O’Reilly è un uomo che ha lavorato duramente per realizzare i suoi sogni. Ha lasciato Dublino per inseguire la carriera che ha sempre desiderato nel mondo della musica, sperando di costruirsi una nuova vita lontana dal suo passato, ma nonostante la fama e il successo raggiunti, c’è qualcosa che non gli permette di essere felice e che lo costringe a tornare alle origini: una promessa fatta anni prima a cui non è riuscito a tenere fede.
Rain O’Donovan vive con suo fratello e i suoi amici in una cittadina sul mare a nord di Dublino. Trascorre le sue giornate tra il lavoro nel pub di famiglia e le sue amate passeggiate sotto la pioggia. La sua è una precaria e metodica quotidianità che le permette di mantenere insieme i pezzi di una vita che non ricorda di aver vissuto a causa di un incidente in cui ha perso parzialmente la memoria.
Liam ritorna dopo due anni di assenza, deciso a rimediare agli errori fatti in passato, ma ce n’è uno che rimpiangerà sempre e a cui forse non c’è rimedio. Il suo sbaglio più grande e il suo più doloroso rimpianto.




<<Non so che intenzioni ho né cosa farò, so solo che devo avvicinarmi a lei, che lei è l’unica persona che può restituire un senso alla mia vita, che può alleviare il mio dolore e il mio senso di colpa. Ho bisogno di sistemare le cose, ho bisogno di rimettere in piedi la vita di qualcuno. 
Ho bisogno di lei, per respirare, per capire che non è finita…..>>




Fin dalle prime righe del libro ho capito subito che “Rainy Days” sarebbe stato un romanzo carico di avvenimenti ed emozioni. E così è stato. Non è la classica storia d’amore, ma piuttosto un percorso che ha come obiettivo quello di riunire due anime, due cuori, che seppur separati non riescono a non sentire il richiamo che li porta a riunirsi. 

I protagonisti della nostra storia sono Rain e Liam, due personaggi che convivono con rimorsi, solitudine, tristezza e che cercano la via per la rinascita. 
Rain non è più la stessa, quel tragico incidente l’ha cambiata radicalmente, rendendola fragile, ultra sensibile, costringendola a cambiare tenore di vita, e trasferendosi a Dublino dove vive con il fratello Aaron e gli amici di una vita Jay e Patrick. Quell’incidente però non l’ha resa solo fragile fisicamente ma anche mentalmente; gli ultimi due anni della sua vita sono stati cancellati, spazzati via come da un tornado. Non sa nulla di ciò che era prima, se non quei sprazzi di ricordi raccontati dai ragazzi. Questi ricordi tuttavia, non sono che una mezza verità, una verità di comodo che Aaron, Jay e Patrick le hanno raccontato per proteggerla. 
E così la nostra dolce Rain si ritrova a vivere un’esistenza solitaria, come dentro una campana di vetro, dove niente e nessuno deve o può scalfirla.
Fino a quando nella sua vita non piomba Liam, e da un solo sguardo Rain capisce che quel ragazzo ha qualcosa di speciale qualcosa che potrebbe portarla di nuovo alla vita. 
Ma lei non ricorda chi sia. Non sa che ha avuto un ruolo importante nel suo passato. Non sa che cosa li legava. Ma il destino li ha ancora una volta riuniti in quel mistero chiamato AMORE.


<<Liam fa parte di me. è entrato in un giorno di pioggia e continua a essere presente, regalandomi qualcosa che non avrei mai pensato di provare..>>

Liam è un ragazzo distrutto. La vita lo ha messo a dura prova più volte.  è fuggito via da quegli ostacoli, da tutto quel dolore. 
Sono passati due anni dall’incidente, quello stesso incidente che ha lasciato cicatrici indelebili in Rain e che ha visto la morte di Nate. Il suo Nate, il suo caro fratello, l’anima e il cuore della sua vita e della band “Four Reason To Die” insieme a Aaron,Jay e Patrick.
Molte cose sono cambiate da quei tempi, ma adesso in Liam è scattato qualcosa. Dopo aver toccato il fondo, ha deciso che è giunto il momento di prendere in mano la sua vita, i suoi sensi di colpa, il suo dolore, i suoi errori e di intraprendere il cammino della redenzione.

<<Toglietemi tutto, privatemi anche dell’aria, ma non portatemi via quel sorriso o non potrò più aprire gli occhi ogni mattina. Ne ho bisogno di me.>>
Così fa ritorno a Dublino, deciso a farsi perdonare dai ragazzi, la sua seconda famiglia, ma soprattutto per alleviare il suo senso di colpa nei confronti di Rain. Cercherà in tutti i modi di aiutarla, di renderla felice, nonostante le minacce di Aaron, che non vuole più veder soffrire la sorella a causa sua. 

Liam e Rain, passo dopo passo, pioggia dopo pioggia impareranno a (ri)conoscersi, creando un legame ancora più forte di prima. 
L’amore sarà vero la cura? La verità verra a galla? e con essa la rinascita della loro amicizia?


Mentirei se non vi dicessi che ho provato mille emozioni durante la lettura di questo libro, che mi ha visto commossa più volte, e che mi ha fatto passare da pianti, a risa, a momenti di tenerezza. 
Un mix perfetto creato dall’autrice, che non conoscevo ma che ho imparato ad amare grazie proprio a questi libri che ho letto in queste settimane. La cosa che più colpisce di Rainy Days è il fatto che ogni singola scena, ogni singolo passaggio è carico di emozioni, come se a parlare fossero dei cuori che battono all’unisono. 
La bravura della Senese per quanto mi riguarda, sta proprio nella capacità di creare un rapporto empatico tra lettore e personaggio, un rapporto così complesso e meraviglioso dal credere e far proprie le emozioni dei personaggi, di tutti i personaggi. 
Un altro grande punto a favore di questo libro è la colonna sonora, che ho apprezzato tantissimo, che scandisce i momenti più belli del romanzo, quasi creando le immagini di un film, rendendo cioè visibile ciò che si sta leggendo. A questo favore consiglio a tutti i lettori di ascoltare le canzoni del romanzo proprio durante la lettura del passaggio, credetemi si creerà un atmosfera magica, e penserete di essere spettatori di una scena reale. 

Inutile nascondere che Liam e Rain sono ufficialmente entrati nella top 10 della migliori ship dei romanzi. Nonostante le avversità, il dolore, la distruzione; nonostante quel dannato incidente li abbia allontanati e resi estranei, l’amore vince su tutto e quando due persone sono destinate a stare insieme niente e nessuno potrà mai separarli. MAI.



Voto:4/5





Passion:3/5






























lunedì 5 settembre 2016

Recensione: Come lui nessuno mai di Bethany Chase







Titolo: Come lui nessuno mai 
Series:  Autoconclusivo
Autore: Bethany Chase
 Editore: BookMe
Genere:  Contemporary Romance
Prezzo ebook (link acquisto)  : €4.99 
Prezzo Cartaceo: € 10.97












Buon pomeriggio miei cari lettori,
l’estate è quasi giunta al termine, settembre porta con se l’inizio della stagione e per me l’inizio dell’ultimo anno di università. Tante cose si preannunciano ma spero quando posso di continuare ad aggiornare questo piccolo blog che cerca di condividere con voi il mio grande amore…
Sarà che in questo momento ho “another love” in sottofondo ma mi è partita la vena nostalgica… 
Il mio intento era quello di proporvi la recensione di uno dei libri che ho letto per ora e che spero di riuscirvi a parlare poco alla volta. Il libro in questione è “Come lui nessuno mai” di Bethany Chase gentilmente inviatomi dalla casa editrice DeAgostini a cui mando un mio immenso grazie!

Sinossi: 
Tutte noi ne abbiamo uno. È il Grande Se della nostra vita: l’amore che avrebbe potuto essere e non è stato. Per Sarina Mahler – architetto trentenne di Austin, Texas – si chiama Eamon Roy, occhi penetranti e fisico da urlo scolpito da anni di allenamenti come nuotatore olimpionico. Praticamente perfetto. E imperdonabile, per il modo in cui la lasciò senza preavviso né spiegazioni. Adesso, dopo anni di assenza, Eamon è tornato in città, e pretende che sia proprio Sarina a seguire la ristrutturazione della sua nuova casa. L’occasione professionale è troppo ghiotta perché lei possa permettersi di rinunciare. Tanto più che, fidanzata con l’impeccabile Noah, non ha nulla da temere da Eamon, dal suo famigerato sorriso e dai suoi modi premurosi e attenti, così lontani dal ragazzo brusco e taciturno che ricordava. E allora come spiegare il brivido di pura emozione che le percorre la schiena ogni volta che i loro sguardi si incrociano?
Sexy, sincero, appassionante, Come lui nessuno mai mette in scena il più classico dei triangoli in una commedia piena di humor, di sorprese e di saggezza.





Quante volte nella nostra vita ci è capitato di soffermarci per un momento e chiederci: “come sarebbe andata SE…?”, “sarei ancora qui?”, “sarebbe accaduto qualcosa di diverso?”… E queste domande si fanno ancora più complesse se l’oggetto dei nostri pensieri è un uomo, quell’uomo che ci ha rubato il cuore e che per una ragione a noi sconosciuta si è allontanato da noi senza voltarsi indietro.

Ebbene sono questi gli interrogativi che attanagliano il cuore di Sarina, una donna in carriera che ha realizzato il sogno di diventare un eccellente architetto. Un nome ancora le fa formicolare lo stomaco: Eamon, un ex nuotatore professionista con cui ha passato la notte quattro anni prima. 
Dopo quella notte non si sono più rivisti, la povera Sarina è stata lasciata la mattina seguente senza una spiegazione plausibile. 
Beh, la nostra protagonista è apparentemente andata avanti, si è fidanzata con Noah, con i quale sta da tre anni e con cui dice di essere felice…

Ma cosa potrebbe succedere se dopo quattro anni Eamon facesse la sua ricomparsa e decidesse di chiedere aiuto per trovare una casa proprio a Sarina? Il loro amore è veramente finito?

"Eamon che ricordo aveva ventun anni, la bellezza allampanata di uno sbarbatello e il fisico ancora immaturo di un giovane atleta. È rimasto più o meno lo stesso: spalle larghe e vita stretta, mento pronunciato e occhi marroni dalle ciglia lunghissime, anche se i capelli castani sono più corti. Il suo viso ha conservato quella franchezza che ti invoglia ad avvicinare la sedia e a svelargli i segreti di cui non hai mai parlato neppure ai tuoi migliori amici.”

“come lui nessuno mai” è un libro che poteva avere delle buone potenzialità per diventare davvero una lettura graziosa, piena di brio, capace di tenere il lettore incollato e far innamorare dei protagonisti. Tuttavia man mano che i capitoli andavano avanti, le pagine si susseguivano e gli eventi scorrevano mi sono ritrovata ad essere annoiata, faticando ad arrivare alla fine. Non so se solo io ho riscontrato queste difficoltà, ma credetemi ad oggi questo libro rimane un grande punto interrogativo. Era partito bene, ma niente, quella scintilla che mi aspettavo non è arrivata, e men che meno sono riuscita a creare il mio solito legame empatico con i protagonisti.

Sarina, l’eterna indecisa, che un giorno dice di essere innamorata del suo fidanzato, che il loro amore è più forte di tutto e il giorno dopo al minimo contatto con Eamon si ritrova ad essere palesemente attratta e infatuata da questo avvenente atleta. Leggere i suoi pensieri il più delle volte è stato estenuante, capace di farmi salire i nervi… Ho rischiato molte volte di buttare in aria il libro o di cacciare un urlo liberatoria. 
Per l’amor del cielo ragazza mia, DECIDITI, i tuoi sentimenti sono palesi fin dal secondo capitolo e questo tirarla per le lunghe non va a suo favore, PER NIENTE. 
Questo suo oscillare da un fiore ad un altro, questi suoi dubbi fino alla fine, non danno lo spirito giusto alla storia, dalla quale mi aspettavo più battibecchi, più battutine, e tutto quello che renderebbe una lettura davvero stuzzicante.

e poi c’è lui, Eamon, anche lui un personaggio che avrei preso a sberle in più occasioni. Torna così dal nulla; appare come in trucco di magia, e si comporta come se nulla fosse successo, come se quell’incontro con Sarina non fosse mai successo, senza il minimo pentimento, credendosi superiore a questa faccenda…
Ma SCHERZIAMO? Dico io figliolo, ma l’educazione non la conosci? Almeno non potresti scusarti?
Beh si, il suo chiedere mi dispiace arriverà, ma risulta così falso e privo di sentimento che anche in quell’occasione i miei occhi hanno sfiorato il cielo.

Davvero un gran peccato, il libro poteva essere davvero più apprezzato giusto con qualche accorgimento per rendere la storia più frizzante e piacevole. Sono ben lungi dal non consigliarvi il libro, o quanto mento dal dissuadervi, il mio è pur sempre un parere personale, eppure un qualcosa che mi è mancato c’è stato… Quella frase, quel periodo, quella scintilla che punta dritto al cuore e che fa breccia…

e voi avete letto questo libro? come lo avete trovato? fatemi sapere nei commenti …

Voto: 2/5



Passion: 2/5 






Noi ci vediamo nella prossima recensione..

un grandissimo bacio

-Angela <3

lunedì 22 agosto 2016

Recensione: "il Contratto" di Elle Kennedy





Titolo: Il contratto
Series:  the Campus
Autore: Elle Kennedy
 Editore: Newton Compton
Genere:  New Adult
Prezzo ebook (link acquisto)  : €4.99 












Buongiorno lettori,
oggi una nuova recensione di un libro che ho amato alla follia e che entra senza dubbio nello scaffale dei romanzi più belli che abbia mai letto ; sto parlando de “Il Contratto” di Elle Kennedy, primo romanzo della serie The Campus edito da Newton Compton.


Sinossi:
Hannah Wells è una studentessa modello. Una di quelle ragazze intelligenti che al college non godono di nessuna popolarità. Ora si è presa una bella cotta per il ragazzo più fico della scuola, ma c’è un problema: per lui Hannah non esiste. Come fare per farsi notare?

Garrett Graham è un bad boy, ed è anche uno dei ragazzi più popolari della scuola, grazie alle sue imprese sul campo da hockey. Ma le speranze di un grande futuro rischiano di andare in fumo perché i suoi voti sono troppo bassi. Avrebbe bisogno di un aiuto per superare l’esame finale e poter diventare un giocatore professionista…E allora è naturale che i due stringano un patto. Hannah sarà la tutor di Garrett fino alla fine dell’anno. In cambio, Garrett fingerà di uscire con lei per accrescere la sua fama: a quel punto tutti la noteranno di sicuro. Ma qualcosa va storto e quel bacio in pubblico, tra Hannah e Garrett, non sembra poi così falso…



Finalmente una protagonista con le palle!! Perdonate il francesismo ma difficilmente le protagoniste femminili riescono a starmi simpatiche, ma devo dire che l’autrice ha creato un personaggio femminile talmente ben fatto, fantastico che vorresti incontrare se non avere direttamente come amica nella realtà!

Hannah è una ragazza bella, intelligente, che ragiona con la sua testa,  che non si lascia trasportare dalla massa, soprattutto in fatto di ragazzi.  Da tempo infatti ha una cotta per Justin, che sebbene sia un giocatore di football, ha quel fascino e quell’intelligenza che lascia la nostra Hannah senza fiato ogni volta. Ma c’è un problema, per lui Hannah è invisibile, e lei non sa più che fare per farsi notare… L’occasione propizia sembra crearsi per uno strano gioco del destino che la porterà a stringere un “patto” con l’avvenente e popolare Garrett  Graham, il sexy giocatore di hockey.

Garrett è apparentemente il prototipo dell’atleta tutto muscoli e niente cervello, super figo, un sorriso da mozzare il fiato, il classico playboy che sogna la carriera di giocatore professionista. Ma quando un esame di metà semestre abbassa notevolmente la media dei voti, rischiando di compromettergli la carriera, Garrett non sa cosa fare. Ma ecco la soluzione a tutti i suoi problemi: Hannah. Lei infatti ha preso il massimo dei voti in quell’esame e basterà convincerla a darle ripetizioni e il gioco è fatto. Per la prima volta però non è facile affatto, Hannah non è come tutte le ragazze che conosce, che farebbero di tutto per lui, e che cadrebbero ai suoi piedi. A questo punto Hannah diventa una sfida, una di quelle che non può permettersi di perdere.  E così dopo giorni interminabili di appostamenti, e di discorsi per convincerla, i due stringeranno un accordo: Hannah darà ripetizioni a Garrett, e lui farà finta di uscire con lei per aumentare la sua popolarità e finalmente avere l’occasione per avvicinarsi a Justin.

Ma quello che sembra cominciare come un semplice gioco, a poco a poco diventerà qualcosa di più. Hannan e Garrett si avvicineranno, cominceranno a conoscersi, e la ragazza capirà di essersi fatta un’idea sbagliata sul sexy giocatore, che sotto la superficie c’è molto di più…


<<[…] Non me lo sarei mai aspettato. A volte una persona ti entra dentro di soppiatto, e all’improvviso non riesci a capire come tu abbia potuto vivere senza di lei fino a quel momento. Come abbia fatto a trascorrere le giornate a uscire con gli amici, e a scoparti qualcun altro senza che nella tua vita ci fosse quella specifica persona importnate […]>>

E.C.C.E.Z.Z.I.O.N.A.L.E. nessuna parola sarà mai abbastanza per descrivere questo bellissimo libro. Fin dall’inizio ho capito che sarebbe diventato uno dei miei preferiti in assoluto! Confesso che le ambientazioni dei college, gli atleti e tutto il contorno che ne consegue, hanno un certo ascendente sulla sottoscritta. Questi rapporti odi et amo fanno sempre breccia e ancora una volta è stato così.

Ogni cosa è stata creata da Elle Kennedy in maniera magistrale, con uno stile originale, divertente, leggero, ma che riesce ad affrontare tematiche delicate senza però essere troppo frettolosa o senza darne il giusto peso. È un’autrice che davvero fa la differenza e non vedo l’ora di leggere il resto della serie, sperando che la Newton Compton non ci faccia aspettare troppo!!

Ma torniamo al romanzo; come già vi avevo accennato sopra per la prima volta ho adorato non solo il personaggio maschile, ma anche quello femminile. Hannah è una ragazza che sa cosa vuole, che pensa al suo futuro, che non si accontenta di stare con un ragazzo che non la attiri soprattutto mentalmente (brainy is the new sexy after all…). è per questo che si sente così attratta da Justin, un ragazzo che per lei oltre ai muscoli ha anche cervello, due caratteristiche che il più delle volte appartengono ad emisferi opposti.

Eppure per un gioco fortuito gioco del destino si ritrova a dare ripetizioni a “quell’imbecille di Garrett Graham”, quel donnaiolo che nemmeno ricordava il suo nome. Eppure se all’inizio Hannah si fa fuorviare dai giudizi generali su Garrett, poco alla volta, e giorno dopo giorno comincia a conoscerlo meglio e scopre che quello che appare non è che una fetta di quello che in realtà è. Ciò che è iniziato come un accordo diventa amicizia, e dall’amicizia ben presto si passerà a qualcosa di più.

Dal canto suo Graham avrà una notevole evoluzione lungo tutto il romanzo. Fin da quando ha posato gli occhi su Hannah ha capito che lei era diversa da tutte quelle che aveva incontrato. Lei è la prima a non cedere al suo fascino, ma soprattutto la prima a voler conoscere Garrett, il vero Garrett, e non il figo giocatore di Hockey.
Si conosceranno, cominceranno a fidarsi l’uno dell’altro, a condividere momenti che apparterranno solo a loro, e inevitabilmente si innamoreranno, sebbene la loro storia sarà piena di ostacoli, e di incomprensioni…

Vi ho incuriosito? Spero proprio di si, perché è una lettura che vi consiglio caldamente, o ve ne pentirete!! Non lasciatevela scappare, soprattutto se come me amate queste ambientazioni!!


Voto:5/5







Passion:4/5



Alla prossima
-Angela <3

venerdì 19 agosto 2016

Realese Blitz: "Adam" di Giovanna Roma



Buon Giorno miei cari lettori,
oggi vi presento un post un pò diverso, in collaborazione con il blog dell'autrice Giovanna Roma, vi presenterò il suo ultimo romanzo Adam il primo della serie Deceptive Hunters. Di seguito troverete tutte le informazioni, la sinossi, un piccolo estratto e il link del giveaway con il quale avrete la possibilità di vincere una copia digitale del romanzo *-*, fossi in voi ne approfitterei.

Non mi resta che augurarvi buona lettura e buon fortuna,

Baci,

- Angela <3







Titolo: Adam
Series:  Deceptive Hunters
Autore: Giovanna Roma
 Editore: Self Publishing
Genere:  Dark Contemporary
Prezzo ebook (in offerta dal 18 al 22 agosto)  : €1.99
Prezzo ebook (dopo il 22 agosto) : € 2.99










Sinossi
Ho sempre saputo come sarebbe stata la mia vita.
La mia storia è stata scritta da qualcun altro e non è certo una trama felice.
Solo. Letale. Killer.
Circondata dalla feccia della società. Dipendente. Vuota.
Niente legami. Fuori dal lavoro non esiste una vita vera per me.
Soltanto il baratro.
Tutti si proclamano innocenti, finché il mio proiettile non decide per loro.
Io vedo cosa nascondono dietro la maschera. Li scopro animali.
Poi qualcuno si mette in mezzo e complica le cose.
Qualcuno mi ha urlato in faccia e sono stata costretta ad affrontare i mostri nella mia testa.
Inizia la caccia.
Inizio la fuga.
Ora un bivio cambierà per sempre ciò che sono.
Ora tutto sarà diverso. Finalmente sarò solo io e nessun'altra.

**Attenzione**
Dark contemporary romance
Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene molto forti, violente, esplicite e un linguaggio crudo. Non adatto a minori o persone particolarmente sensibili o suscettibili. Leggerlo potrebbe scioccarvi, persino disturbarvi. 





*Estratto*
<<Ho chiamato la polizia. Saranno qui a momenti» avverte a voce alta, mentre io continuo a voltarle le spalle.
Inutile guardarla negli occhi: so che mente. Non ci sono telefoni in giro e il suo è ancora nella mia tasca. Non può scappare, perché per raggiungere l'uscita dovrebbe attraversare la cucina.
La vedo chiaramente nella mia mente. I capelli scompigliati, la voglia nei suoi occhi scuri, la bocca che prega di essere riempita da me.
Cazzo, non istigarmi.
Stringo forte gli occhi per togliermela dalla testa. Chiudo le dita in un pugno per sopportare la mancanza di contatto. Respiro a fondo per recuperare la mia calma omicida.
«Allora sbrigati a prepararmi la colazione.»
Getto scocciato la teiera nel lavandino, producendo un fragore che risuona tra le pareti spoglie dell’appartamento. Il silenzio acuisce il rumore. Non c’è neanche una bustina di tè, a cosa le serve la teiera?
Mi giro e la vedo in piedi sotto l’arco che separa la camera dalla cucina. Indossa dei pantaloncini scuri e una maglia blu di cotone. Sento la tentazione bussare alla mia porta. La sua fermezza d'acciaio ha le sembianze di Eleanor. È una combinazione di vulnerabilità e bollente disprezzo. Gli occhi scivolano affamati sulle sue giovani curve. Percepisco ancora il formicolio sulle mani e devo infilarle nelle tasche dei pantaloni per non correre a stringerla.
Quali parti non ho ancora posseduto di quel corpo? Quali gemiti mi nasconde?
«Ti prenderanno e ti sbatteranno al fresco.»
Incrocia le braccia al petto e punta un piede contro il muro alle sue spalle.
«Sbatteranno al fresco il tuo dio, allora.» Sbriciolo le distanze piano e fingo di riflettere. «Se non erro è così che mi hai chiamato.» Le punto addosso gli occhi, inchiodandola nella sua posizione. «Quando la tua piccola figa mi serrava forte.»
«Mi assicurerò che gettino via la chiave.» Finge di non udirmi, però il rossore sulle guance la tradisce.
Crede di innervosirmi? È eccitante, invece. Accorcio le distanze divertito. «Sei sempre così bagnata per gli uomini che giuri di non portarti a letto?»
«Fossi in te scapperei. Quelli non scherzano» insiste meno sicura di un attimo prima. «Tu sei folle. Hai ucciso un uomo.»
«Se lo meritava.»
Deglutisce a fatica e abbassa la testa. Poverina, provo quasi pena per lei. «Ti svelo un segreto, Eleanor.» Sfioro il suo orecchio con le labbra e la sento rabbrividire. «Non serve essere folli, per essere assassini.»
La sua voce è un sussurro e freme contro la mia guancia. «Quanti l'hanno meritato?»
Bambolina, chi credi che tenga più il conto?
La mia risposta è una scrollata di spalle.
Abbandona le braccia lungo i fianchi e sposta il peso da un piede all’altro. L’ho visto fare spesso ai miei clienti quando erano in difficoltà. Non finiva mai bene... per loro. Sono vicinissimo, tanto da respirare il suo profumo dolce. Le blocco il passaggio con un braccio e la scopro sempre più esitante. La sua paura sta tornando, si nasconde dietro a ogni suo movimento. Ne ho bisogno. Me ne nutro. Mi ricorda perché sono qui, che diavolo esigo da lei.
«Lo sai che se arrivassero...» Interrompo la frase di proposito e con solo i polpastrelli delle dita risalgo sul suo fianco, sotto la maglia. Un brivido la percorre e si contrae appena. Ritornano alla mente il colore scuro dei suoi occhi, tanto diversi dai miei, il sapore della sua pelle eccitata, il suono soffice dei suoi gemiti divenuti sempre più simili a grida di piacere man mano che penetravo in lei. Giungono come un’onda che mi spinge ancora di più a piegarmi su Eleanor. La brama affiora e mi rende furioso. Cresce, alimentata dai cinque sensi. Sarebbe opportuno che provassi indifferenza o disprezzo, ma desiderarla... Strumento. Burattino. Ripeto quello che è, che dovrebbe essere, e giuro, sarà. «Dovrei ucciderti seduta stante.»
Resasi conto della gravità di quello che ho appena rivelato, dovrebbe guardarsi intorno in cerca di una via di fuga. È come un topolino schiacciato tra le zampe di un leone affamato, eppure non stacca gli occhi dai miei.
Cosa la rende così sicura di sé? Sembra chiamarmi, quasi aspettarsi che mi avvicini ancora. Gli occhioni scuri vibrano luminosi. Sta tramando qualcosa, lo sento. Vorrei che fossero a causa mia, però non sono il tipo che cade nel facile gioco delle illusioni. Ho avuto tante donne nella mia vita e so distinguere l’interesse di una spogliarellista da uno disinteressato. Quello di Eleanor è più simile a chi sta per commettere qualche stronzata, di cui si pentirà l’attimo dopo.