venerdì 12 agosto 2016

Recensione: "Lui vuole me" di Ava Lohan

link acquisto Amazon





Titolo: Lui Vuole Me
Autore: Ava Lohan 
 Editore: Self Publishing
Genere:  Erotic Romance
Prezzo ebook : € 2.99
Prezzo Cartaceo : € 13.50












Buongiorno Readers,
nuova recensione oggi, di un libro molto chiacchierato, criticato forse anche troppo e in maniera ingiustificata, ma questo è solo un mio parere personale. Il libro di cui vi voglio parlare oggi è "Lui Vuole Me" di Ava Lohan, il primo libro che leggo di questa autrice di cui ho apprezzato molto lo stile fluido e scorrevole che non ti stanca e che ti fa procedere nella lettura tutto d'un fiato fino alla fine. 
Ma procediamo per gradi,

Sinossi:
Mancano diciassette giorni per prendere i voti, quando per salvare il convento mi ritrovo costretta ad accettare il compromesso del suo nuovo arrogante proprietario.
Lui vuole me, una novizia, per due settimane. Il mio corpo in cambio del convento. Questa è la sola possibilità che mi offre per non perdere la mia casa.
Ma Kegan Anderson non è come la maggior parte dei ragazzi: lui è a capo del Lust, il club privato più esclusivo e lascivo di Long Island. Ed è lì che vuole portarmi.
Kegan è abituato a vendere il suo corpo e quello dei suoi dipendenti. Non prova niente per nessuno e non va mai a letto più di una volta con la stessa persona a meno che questa non lo paghi.
In questi quattordici giorni non posso negargli il mio corpo, ma devo riuscire a preservare il mio cuore e a ignorare l’attrazione che sento per lui e ciò che mi fa provare. Perché Kegan è una bestia. E la bestia non ama, distrugge.



Immaginatevi di essere voi la protagonista e che come Rose siete ad un passo dall’iniziare una vita al servizio del Signore, ad iniziare un nuovo cammino in quello che è la vocazione. E poi qualcosa o meglio qualcuno vi sconvolga tutto, il vostro equilibrio, la vostra vita. Il lui in questione è Kegan, un uomo dal grande fascino che piomba nella vita di Rose,  travolgendola radicalmente. Infatti Kegan non è li a fin di bene, o quanto meno è li per soddisfare solo i suoi desideri, ben conscio che come sempre la spunterà. Il bel tenebroso Kegan, con quello sguardo che riesce a far smuovere anche la donna più rigida è lì per un compromesso/minaccia: o Rose passerà due settimane con lui, oppure , in quanto nuovo proprietario del convento, lo raserà al suolo per costruire un albergo.

Rose è costretta ad accettare, il convento è la sua casa, il suo rifugio, il luogo dove è cresciuta e non vuole permettere una simile fine né al convento né alle sue consorelle. Ma c’è di più, c’è un qualcosa che la spinge verso Kegan, verso quegli occhi, quel fisico possente, quella bocca sensuale, come una forza, come se lui fosse il magnete a cui lei deve legarsi.

E così Rose viene strappata via dal suo ambiente e viene catapultata in mondo e in un contesto del tutto diverso, il Lust, il club privato più esclusivo e lascivo nel quale tutti i desideri  e gli appetiti più nascosti  vengono soddisfatti. Nei quattordici giorni che le rimangono Rose non potrà negare a Kegan nulla del suo corpo, per quattordici giorni l’unico proprietario del suo corpo sarà lui, ma Rose ha una missione più importante, quella di preservare il suo cuore, di impedirsi di provare qualsiasi sentimento per Kegan, “la bestia” come viene chiamata al club, per quest uomo senza sentimenti che distrugge tutto ciò che incontra senza remore…

Riuscirà Rose nel suo intento? Il cuore smetterà di battere ogni volta che i suoi occhi poggeranno su di lei? Ma la domanda più importante è, Kegan resterà sempre “la bestia” oppure Rose sarà la chiave che permetterà al cuore di battere ancora?

<<Kegan era come il fumo, una volta iniziato, smettere diventava quasi impossibile. La forza di volontà doveva essere maggiore della voglia di nicotina, della sensazione dentro la bocca, della sigaretta tra le labbra. E lui era nocivo, e faceva male come il fumo. Ne ero consapevole, eppure la sua influenza superava la mia voglia di conservarmi intatta fino alla mia uscita definitiva dal Lust. Le sue labbra erano la mia nicotina, e nonostante il desiderio di disintossicarmi, se lui si fosse avvicinato io avrei permesso a quella bocca di farmi qualsiasi cosa>> 
La lettura del romanzo è stata molto gradevole, l’ho divorato in meno di due giorni, e nonostante alcune situazioni siano state previdibili, nulla distoglie dal fatto che la Ship (come si dice in gergo di telefilm) Rose-Kegan sia partita fin dalla prima unione dei loro sguardi. Insieme si completano, sono due metà che solo insieme raggiungeranno la perfezione. Da un lato abbiamo lei, la timida Rose, che fin dall'inizio sa che trascorrere giorni con Kegan farà vacillare tutte le sue certezze. Lei sa che c’è qualcosa che lo lega a quell'uomo così affascinante e sebbene tenterà in tutti i modi di negarlo, di negargli l’accesso anche al suo cuore oltre che al suo corpo, inevitabilmente finirà per innamorarsene. Questo combattimento interiore lo vedremo scorrere pagina dopo pagina, scena dopo scena, visto che il libro è interamente narrato dal POV della protagonista. Pertanto vedremo e vivremo la storia attraverso le sue emozioni e molto spesso si creerà un connessione tra lettore e protagonista, o almeno questo è quello che ho vissuto io.

Dall'altro abbiamo Kegan, uno dei personaggi maschili più complessi e con mille sfaccettature mai incontrati. Per conoscere bene Kegan bisogna avere l’accortezza di non fermarsi alla superficie, di non dare peso ai giudizi e alle dicerie, ma di scavare in profondità per cercare di capire cosa si cela dietro la perfezione e la bellezza magnetica di questo personaggio. È vero il rapporto che si ha con Kegan è un rapporto odio/amore, ma è anche vero che il suo personaggio sarà quello che affronterà un percorso di cambiamento che lo porterà fuori dall'autodistruzione, dal rivedere le sue priorità. Come ogni personaggio misterioso che si rispetti ,capitolo dopo capitolo , conosceremo il suo passato, il suo dolore, il suo essere stato usato fin da bambino, insomma tutto quello che lo ha reso la bestia distruttrice che è diventato, ma non vi svelo altro altrimenti vi toglierei il gusto di leggere questo romanzo.
Se c’è una cosa che ho realizzato quando ho deciso di leggere questo romanzo, è come l’ipocrisia e perché no l’ignoranza della gente possa creare equivoci e influenzare negativamente la lettura di un libro. Credetemi ne ho lette di cotte e di crude, gente che accusava l’autrice di blasfemia, di aver creato una storia troppo cruda, che non doveva permettersi di farlo e tante altre cose che non sto qui a riportare. Dal mio modesto parere posso dire che questi sono commenti del tutto esagerati ed inopportuni, fatta da gente che molto spesso appare quello che non è, quindi Ava se mai mi leggerai, ti dico solo vai avanti, non ti curar di loro e continua a scrivere senza censurarti o privarti di nulla. Pertanto cari lettori prima di giudicare a priori leggete sempre voi perché il vostro gusto personale può stravolgere davvero tutto.

Voto: 3 e mezzo/5

E mezzo



Passion:5/5





See you soon

-Angel<3 









0 commenti:

Posta un commento